Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Abbiamo iniziato bene, il problema è stato nella fase difensiva”

Le parole del tecnico giallorosso dopo Roma-Genoa

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha parlato ai microfoni di Dazn dopo il pareggio per 3-3 contro il Genoa.

 

Avevi detto: “Voglio una squadra che domini il gioco”, ma non è arrivato il risultato. Come si legge questa gara?
“Abbiamo iniziato molto bene, soprattutto i primi 15 minuti. Il problema non è stato in attacco ma nella fase difensiva. Nel primo tempo la squadra ha dominato, ma il problema è stato trovare l’equilibrio. Quando una squadra incassa tre gol è difficile vincere”.

Come si trova questo equilibrio difensivo?
“Analizzando la prestazione e cercando di migliorarla nella fase difensiva. Abbiamo creato molte occasioni, cerchiamo di preparare il derby nel migliore dei modi”.

Le parole di Paulo Fonseca in conferenza stampa:

Dopo oggi diventa più urgente la ricerca del centrale?
“Come ho già detto, ribadisco la fiducia nei miei calciatori. Sono emersi problemi difensivi come il controllo della profondità. La squadra non trasmetteva sicurezza e su questo lavoreremo”.

Fondamentale acquisto del centrale?
“E’ noto che stiamo cercando di prenderne uno e lo faremo fino alla fine del mercato, ma non deve essere uno qualsiasi. Deve essere un valore aggiunto e cercheremo di farlo fino alla fine”.

Come sta la squadra fisicamente?
“Dal punto di vista fisico ho visto bene la squadra. E’ stata una partita con tanti ribaltamenti di fronte e quindi molto faticosa. Stiamo cercando di prevenire gli infortuni perché è noto quanto è successo lo scorso anno. Poi ci sono calciatori più suscettibili di altri, ma stiamo monitorando tutto”.

La sua analisi della partita?
“Quando la squadra prende gol non è solo un problema dei difensori. In questa partita le seconde palle erano importanti. Noi siamo entrati bene in partita, poi dopo il gol del Genoa faticavamo sulle palle scoperte. Nel secondo tempo siamo migliorati, ma abbiamo preso una rete quando non ce l’aspettavamo. Sono cose sulle quali dobbiamo ancora migliorare”.

Cosa si aspettava con il cambio di Pastore?
“Abbiamo cercato di migliorare nell’ultimo passaggio e Pastore ha queste caratteristiche. Con gli spazi ridotti Pastore poteva essere l’uomo giusto”.

Inzaghi potrebbe studiare la partita di domenica come oggi ha fatto Andreazzoli. E’ preoccupato per il derby?
“Come il Genoa ha studiato noi, noi avevamo studiato loro. La questione è che per me sono molto più importanti i comportamenti della mia squadra piuttosto che quelli della squadra avversaria. Ci prepareremo a contrastare il sistema di gioco della Lazio, ma senza snaturarci. Non preparerò mai una partita concentrandomi sulla fase difensiva. Voglio una squadra che domini e che giochi sempre la palla”.

Fonseca è intervenuto anche ai microfoni di Roma TV:

Si era perso qualche particolare della partita rivedendo le immagini?
“Abbiamo chiaramente avuto dei buoni momenti in fase offensiva, abbiamo creato diverse occasioni. Di solito quando si segnano 3 gol ci si aspetta di vincere la partita. Purtroppo ne abbiamo presi 3 e quando prendi tre gol diventa complicato vincere. Dal punto di vista offensivo la squadra si è comportata bene mentre in fase difensiva abbiamo avuto difficoltà in particolare a controllare la questione della profondità, abbiamo preso 3 gol e in questo modo abbiamo vanificato le tante occasioni create che ci facevano meritare la vittoria”.

Il lato positivo è stato lo stadio e l’ambiente
“Si è stato fantastico e spettacolare l’apporto del nostro pubblico. I tifosi devono continuare a credere in questa squadra che sarà coraggiosa come è stata oggi. L’appoggio del nostro pubblico è fondamentale. Questo risultato non toglie fiducia per il futuro, sono convinto che questa squadra farà un ottimo campionato. Adesso ci aspetta una gara difficile contro la Lazio e la prepareremo al meglio e con fiducia”.

Quanto tempo ci vorrà per fare la fase difensiva come quella offensiva?
“Abbiamo lavorato molto sulla fase difensiva anche perché non ci si può dedicare solamente all’attacco. Dobbiamo lavorare sull’equilibrio, in particolare quando la nostra squadra è nella metà campo avversaria e loro ripartono velocemente. Dobbiamo contrastare quella fase di transizione, lo dobbiamo fare meglio perché dal punto di vista offensivo la squadra si è comportata molto bene”.

Sul primo gol del Genoa cosa si doveva fare meglio?
“Sì, la squadra ha iniziato bene, pressando l’avversario, non lasciavamo giocare il Genoa. Dopo il gol segnato abbiamo pressato di meno, abbiamo lasciato il possesso al Genoa e si sono presentate più palle scoperte dove loro cercavano regolarmente la profondità. Sul primo gol dovevamo essere più veloci con i centrocampisti nel prendere le seconde palle. In ogni caso dobbiamo migliorare questa fase qui perché all’inizio la squadra ha pressato molto bene”.

Le parole di Fonseca a Sky Sport:

Un buon gioco verticale in attacco, ma qualche difficoltà nella gestione del risultato, visto che la Roma è stata rimontata tre volte 
“Confermo. È stata una partita divertente, ma mi aspettavo di vincerla. Bisogna lavorare molto per l’equilibrio difensivo, dove ho visto molte sofferenze”.

Si aspettava tutte queste difficoltà nell’equilibrio difensivo?
“Quando il Genoa cercava la profondità, abbiamo avuto dei problemi nella gestione dei duelli individuali”.

Si è mai confrontato con Mourinho sul calcio italiano? Le ha mai dato qualche consiglio particolare su come avere successo in Italia?
“Lo stimo, rappresenta il prototipo dell’allentore portoghese, ma non ci ho mai parlato. Se capiterà l’occasione mi farà piacere”.

Come se lo immagina il derby?
“Questo risultato non ci toglie fiducia, ma con l’allegria che vogliamo dare al pubblico della Roma speriamo di vincere questa partita”.

Le tre parole preferite in italiano?
“Io parlo con i miei giocatori. Sto studiando, sto imparando l’italiano. Spero in breve di parlarne un po’ di più”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra