Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’attico di Totti, l’amore e… Fonseca: così Zaniolo è diventato grande

La stagione della verità per Zaniolo: Fonseca punta sul baby talento

Nicolò Zaniolo è diventato grande. E non soltanto perché il rinnovo di contratto che, compresi i bonus, supera i due milioni, è da calciatore vero. Nicolò Zaniolo è diventato grande perché da grande sono le scelte che ha fatto e che, con il supporto di società e famiglia, continuerà a fare. La prima: ha voluto una casa più grande per sé, la sorella Benedetta e il papà Igor, che però vivranno a La Spezia, mentre la mamma sarà quella che gli sarà più accanto.

Dopo aver valutato un paio di opzioni, ha deciso di non allontanarsi troppo dall’appartamento in cui ha vissuto nel primo anno romano e, quindi, da Trigoria. Ha salutato l’Eur e ha scelto il Torrino. Ha scelto una zona dove è più semplice parcheggiare e dove la mamma non ha brutti ricordi, vista la rapina subita qualche mese fa. Non ha preso una casa qualsiasi, Zaniolo. Ma è andato a vivere in un attico con piscina di proprietà di Francesco Totti dove, fino a due anni fa, abitava il brasiliano Alisson.

L’attico, il rapporto con la fidanzata Sara che sembra sempre più importante e le dichiarazioni in cui ha detto di doversi comportare da professionista sono tutti indizi della sua crescita. Importanti, oltre ai rapporti personali, anche quelli con l’allenatore e il suo staff. Con Di Francesco, lo ha raccontato lui stesso, c’era un legame speciale, con Ranieri non è scattato il feeling, con Fonseca sta scoprendo cose di sé che non immaginava. Ha rinunciato alle vacanze e disputato un precampionato impeccabile, eccezion fatta per quel fallo di mano non rivelato contro il Bilbao per cui ha subito chiesto scusa.

In allenamento sta imparando ad usare più il corpo e a togliere un tempo al gioco. Pensa e agisci più velocemente, gli ripete. In questo, il suo proprietario di casa era il numero uno in Italia, forse al mondo. Fonseca è stato fondamentale per la rinascita di una stella esplosa all’improvviso, ma non cadente come qualcuno temeva ben prima del 10 agosto. E che spera di tornare a brillare pure in Nazionale dopo un Europeo Under 21 da dimenticare. Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa