Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Parnasi chiama in causa Lega, PD e Fratelli d’Italia

Corposi finanziamenti ai partiti

Nel corso del suo ultimo interrogatorio davanti ai pm di Roma, l’imprenditore Luca Parnasi ha svelato il metodo con il quale per anni ha finanziato la politica. Al centro del verbale del costruttore romano le elargizioni al Partito Democratico e alla Lega. Non a caso nel mirino della procura di Roma erano finiti i rispettivi tesorieri: Francesco Bonifazi, deputato del PD, e Luca Cementero, della Lega.

Parnasi avrebbe versato 150 mila euro alla Fondazione Eyu, che, secondo i pm, sarebbero stati destinati al PD. A provarlo ci sarebbero incontri tra Bonifazi e Parnasi e anche alcune intercettazioni. La vicenda era stata racchiusa dai carabinieri in un’informativa del 19 marzo scorso: “Rapporti con gli organi di comunicazione ufficiali dei partiti“, si intitolava il capitolo dedicato anche alla fondazione. Altro capitolo dell’indagine riguarda invece la Lega. Per finanziare il partito di Matteo Salvini, l’imprenditore, avrebbe elargito denaro alla onlus “Più Voci”. In questo caso il versamento sarebbe più corposo: 250 mila euro. E sarebbe avvenuto nel 2015. A queste donazioni se ne aggiunge un’altra a Fratelli D’Italia. Il fascicolo sui finanziamenti è stato stralciato e la parte appena chiusa è solo l’apice dell’inchiesta dei carabinieri del Nucleo Investigativo, coordinata dall’aggiunto Paolo Ielo e dal pm Barbara Zuin, sul nuovo Stadio della Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa