Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “Nel secondo tempo abbiamo sofferto, ma abbiamo vinto e cresciamo”

Parla il bosniaco nel post gara

Edin Dzeko, attaccante della Roma, ha parlato a Roma TV di Roma-Sassuolo 4-2. Queste le sue parole:

Grande primo tempo, gol, prima vittoria stagionale, soddisfatto?
Sì, il secondo tempo doveva andare meglio ma abbiamo vinto e cresciamo.

Cosa non ha funzionato nel secondo tempo?
“Ci siamo un po’ fermati dopo il 4-0 anche se il mister nell’intervallo ci aveva detto di non farlo. Nel secondo tempo abbiamo sofferto”.

Come si esce da questa situazione? Ho visto una comunicazione per dire facciamo possesso
“Dopo il 4-0 devi lasciare andare la palla, se la tieni tu loro devono correre. Volevamo andare troppo presto in verticale. Dobbiamo partire dal primo tempo spettacolare”.

È mancata la condizione fisica?
“Sicuramente anche questo. Fa ancora troppo caldo e dopo le Nazionali con tanti giocatori che hanno fatto due partite, non è facile. Ci teniamo stretti la vittoria, speriamo che cose come quelle del secondo tempo non si ripetano più”.

Dall’intesa con Mkhitaryan può nascere qualcosa di importante?
“È un giocatore di alto livello. Gli ho detto ‘Hai fatto due gol contro la Bosnia, adesso devi farlo anche qui’ e lo ha fatto. Quando si abituerà ancora di più farà grandi cose”.

Il bosniaco ha parlato anche a Sky Sport:

Sono sempre stato contento. Quando faccio gol lo sono ancora di più. Dobbiamo continuare così, cresciamo partita dopo partita“.

E’ vero che ti ha convinto tua moglie a rimanere a Roma?
“Prima di tutto devo essere convinto io. Tutte le decisioni le prendo con mia moglie e con i miei genitori. Anche i bambini voglio che stiano bene. Roma è casa nostra”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra