Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca, prima fuori casa: “Siamo pronti”

La Roma affronta il Bologna

Prima trasferta dopo quattro partite all’Olimpico, Europa League compresa, primo test lontano da casa con qualche certezza in più, da mostrare a un Bologna pieno di entusiasmo. La Roma di Fonseca prende forma con il trascorrere di settimane piene di lavoro ed esperimenti, scoprendo però qualche punto fermo inaspettato come Cristante e Kluivert.

Sarà una gara molto complessa – afferma Fonseca ma noi siamo pronti, il Bologna è imbattuto, è una bella squadra e riflette il carattere del suo allenatore, Mihajlovic, al quale auguro una pronta guarigione“. Ancora escluso dalla lista dei convocati, Chris Smalling (“Ma tornerà contro l’Atalanta“), mentre giocheranno sicuramente Cristante e Veretout. In pratica dovrebbe essere schierata la stessa formazione che ha battuto il Sassuolo, con il rientro di Mkhitaryan e Pellegrini che dovrebbe prendere il posto di Zaniolo. In difesa, dubbio su chi farà coppia con Fazio, visto che Mancini non sembra al meglio e ha qualche chance di scendere in campo Juan Jesus.

Ma noi non cambieremo il nostro modo di pensare, a prescindere da chi giocherà. i nostri concetti non verranno alterati. Io cerco di trasmettere positività ai calcia tori e vedo la squadra bene dal punto di vista fisico, e motivata“. Fonseca non si fida del Bologna e spera che i suoi gli regalino una vittoria nella sua prima trasferta sulla panchina giallorossa. Saranno tremila i tifosi della Roma al seguito. Lo riporta La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa