Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma in alta quota

Il giorno dopo della partita contro il Bologna le riflessioni sono più serene

La Roma è in zona Champions, cosa mai successa lo scorso campionato, al massimo i giallorossi si sono trovati ad un punto dal quarto posto. Quella piazza oggi conta poco, ma è da accogliere positivamente.

La mano di Fonseca si comincia a vedere nel gioco, nella tenuta atletica e nei risultati: la Roma ha 3 punti in più dell’anno scorso. Si vede anche per il coinvolgimento dei giocatori, esempio Kluivert che è sempre titolare. L’unica nota stonata è Zaniolo che è uno dei più in forma, ma che è partito dalla panchina nelle ultime due gare. Il giocatore, non si parla di caso, questa storia la soffre.

A Bologna, nella miglior prestazione difensiva dell’anno, non ha funzionato bene l’attacco. Sono migliorati Fazio e Mancini in attesa di Smalling. E’ migliorato tutto il reparto e qui Veretout c’entra tanto. Ciò che ha copito è la reazione dopo il pareggio dei rossoblu.La Roma, in dieci e mostrando una condizione fisica invidiabile, ci ha creduto fino alla fine.

Questo è dimostrato dallo strappo del francese e dalla lucidità di Pellegrini nel servire Dzeko. Fonseca ha utilizzato 19 calciatori in campionato, diventano 20 se si conta Kalinic in Europa League. Sette di questi sono andati a segno. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa