Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gasperini: “Fatta una gran partita. Ho detto ‘no’ alla Roma per amore dell’Atalanta”

Le parole del tecnico atalantino

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la gara contro la Roma:

La Roma veniva da tre vittorie di fila, la partita è stata vinta meritatamente dall’Atalanta. Quali sono gli aspetti che hanno fatto la differenza?
“Questa sera i ragazzi hanno fatto una gran partita. Avevamo visto la Roma in crescita, è molto pericolosa e temevamo questa partita. Questa tensione ha scaturito questa gara”.

Quanto ha pesato la scelta di Zapata?
“E’ stata una mossa determinante. Duvan non ha mai saltato una partita, è un periodo molto impegnativo per i calciatori e a volte è necessario partire dalla panchina. Spesso i giocatori riescono ad essere determinanti anche dalla panchina”.

Ci ha incuriosito Malinovskyi. Dove può arrivare?
“Piace a tutti, è un giocatore che ha sostanza. E’ leader nella Nazionale ucraina, è un giocatore di livello ed è dotato di buon tiro. Sono contento, è arrivato all’ultimo momento, era in ritardo nella preparazione. Era la partita giusta per lui e non abbiamo preso gol che per noi è un evento”.

Ci spiega come ha fatto a dire “no” al corteggiamento della Roma?
“Chiaro che quando fai dei campionati come l’anno scorso ci possono essere delle tentazioni. Devo dire che l’amore che ho verso l’Atalanta e che tutta Bergamo ha nei miei confronti ha impedito questa cosa”.

Che voto dà?
“10 e lode a tutti quanti. Era veramente difficile stasera, al di là della vittoria anche per come l’abbiamo giocata”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News