Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling è l’unico a brillare. E Spinazzola si fa male di nuovo

Nonostante i cambi, la Roma non vince. Unico a non sembrare in difficoltà è Smalling, alla sua prima da titolare. Malissimo Veretout, dalle stelle alle stalle

La Roma di Paulo Fonseca capitombola per la prima volta in campionato. Dopo la bella prestazione di soli 3 giorni fa, arriva la sconfitta per mano dell’Atalanta di Gian Piero Gasperini. Tra i quattordici giocatori mandati in campo da Fonseca contro i bergamaschi per sfatare il tabù Olimpico sono sei i calciatori arrivati nell’ultimo mercato estivo ad essere scesi sul terreno di gioco: Pau Lopez, Spinazzola, Smalling, Veretout dal primo minuto e i subentrati Mkhitaryan e Kalinic. Il centrocampista francese – tra i migliori nelle sfide con Sassuolo e Bologna – ha commesso l’errore che ha portato al gol del vantaggio dei nerazzurri, sbagliando un cambio di gioco sull’altra fascia con la squadra che stava alzando il proprio baricentro. Il portiere spagnolo, artefice del miracolo salva-risultato su Soriano tre giorni fa, non ha alcuna colpa sul potente sinistro di Zapata, ma ha sul groppone, insieme a tutto il reparto difensivo, la rete di de Roon, arrivato con un colpo di testa su assist di Pasalic con tutti gli uomini in area completamente fermi e l’uscita a vuoto dell’ex Betis.

Serata da dimenticare anche per Spinazzola, costretto ad uscire per un infortunio alla coscia dopo essere stato tra i più positivi nella prima frazione, per Mkhitaryan, autore di una prova incolore dando il cambio a Zaniolo, e per Kalinic, al secondo errore sotto porta (sempre quella sotto la Curva Sud) dopo quello con l’Istanbul Basaksehir che a molti ha ricordato quello di Schick contro la Juventus. Il migliore in campo di tutta la Roma e l’unico che può un minimo sorridere a seguito del ko con l’Atalanta è Smalling, all’esordio assoluto in maglia giallorossa. Il centrale inglese è apparso tra i giocatori meno in difficoltà dal punto di vista tattico ed è dovuto capitolare soltanto sul gol di Zapata dove era rimasto l’unico a protezione del fortino di Pau Lopez: “Sono molto contento dell’esordio ma non della partita, nessuno di noi lo è. Abbiamo – ha dichiarato l’ex Manchester – ambizioni e dobbiamo vincere le partite casalinghe. All’inizio è stata una partita più chiusa, abbiamo avuto anche delle possibilità. Nel secondo tempo con gli spazi più allargati ci siamo trovati più in difficoltà”. Lo riporta Il Tempo.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa