Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Hasan Çetinkaya (ag. Olsen): “Robin epurato dalla Roma come Totti e De Rossi”

Il procuratore del portiere svedese: “All’inizio è stato uno dei migliori portieri del mondo, poi c’erano persone che volevano sbarazzarsi di altre ed è stato il caos”

Hasan Çetinkaya, agente tra gli altri di Robin Olsen, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano svedese Bladet ritornando anche sulla rottura tra il portiere svedese e il club giallorosso:

“Dopo la vendita di Alisson dissi a Robin che sarebbe diventato il nuovo portiere della Roma. Lui mi chiese di smetterla di scherzare, di non prenderlo in giro e che voleva solo concentrarsi sulla riabilitazione dopo l’infortunio alla spalla. Ma per me era già tutto fatto. Ho incontrato Monchi a Trigoria e gli ho proposto Olsen. Monchi è una persona leale e sincera e anche se tutti i portieri del mondo stavano facendo la fila per venire alla Roma mi ha guardato negli occhi e mi ha detto: “Sai cosa significa per me se va male un portiere preso a poco dal Copenaghen?”. Io gli risposi: “Lo so, ma niente andrà storto. Fidati di me”. Lui mi strinse la mano dicendomi: “Ok, hermano”. Così abbiamo concluso l’affare. All’inizio è stato uno dei migliori portieri del mondo, ha giocato bene contro Juventus e Real Madrid. Poi intorno alla Roma sono iniziate alcune mosse “politiche”, c’erano persone che volevano sbarazzarsi di altre ed è stato il caos. È finita che Monchi e Di Francesco sono stati mandati via e hanno rimosso anche Totti e De Rossi. Così anche Olsen è entrato a far parte di questa epurazione”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato