Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

Tante occasioni create, ma poca mira: la partita di Nikola Kalinic (TWEET)

L’attaccante croato, alla sua prima da titolare con la maglia della Roma, ottiene una prestazione al di sotto delle aspettative. Analizziamo alcuni dati

Non un ottima prestazione quella di Nikola Kalinic, ieri in campo dal 1′ minuto nella gara di Graz contro il Wolfsberger. Il centravanti croato, scelto da Fonseca per far rifiatare Dzeko, non ha saputo reggere il confronto con il bosniaco, complice anche una prestazione corale deludente. Ma analizziamo alcuni dati relativi alla prestazione del giocatore, con l’ausilio della pagina Twitter AS Roma Data:

Nonostante il numero di tiri effettuati dal giocatore, 6 in totale, solo 2 di questi erano indirizzati verso lo specchio della porta, e ciò denota una poca precisione nelle conclusioni del croato. Inoltre i passaggi eseguiti sono solo 19, segno di un difficile inserimento nella trama offensiva della squadra. Nonostante ciò l’accuratezza dei passaggi è alta: il dato si attesta sull’86%. I dati negativi sono principalmente due: il primo è quello relativo ai possessi persi (5), il secondo invece riguarda i duelli aerei. Solo 1 volta su 3 Kalinic è riuscito a superare in elevazione i giocatori del Wolfsberger, e da un giocatore alto 1 metro e 86 centimetri ci si deve aspettare di più.


Il numero di tiri però porta Kalinic ad essere stato il giocatore giallorosso ad aver tentato maggiormente la conclusione verso la porta degli austriaci: nessuno ha provato il tiro tante volte quanto lui. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus