Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Perotti: “Vittoria importante, ma non sottovalutiamo l’Udinese. Mancini? Gran bella sorpresa”

Il centrocampista giallorosso: “Dobbiamo essere consapevoli che abbiamo fatto solo un passo in avanti, non abbiamo ancora fatto nulla”

Diego Perotti torna in campo, e lo fa da protagonista. Il centrocampista argentino ha sta ritrovando la forma, ed oggi ne ha parlato anche ai microfoni di Roma Radio:

“Per me è stato bruttissimo fare il ritiro e fermarmi per un lungo periodo. Ma sto bene, il momento negativo è alle spalle. La voglia di giocare a volte ti fa sbagliare. Quando torni da un infortunio, in 15 minuti vuoi recuperare tutto quello che non hai fatto prima. La forma fisica sta migliorando, andrà sempre meglio”.

Ti senti dentro a questa squadra, tatticamente parlando?
Si tantissimo, la maniera di giocare del mister aiuta tanto i giocatori che fanno il mio ruolo. Risulta più semplice ritornare a giocare dopo un infortunio quando hai un gruppo così.

Qual è il significato di questa vittoria contro il Milan, può servire in futuro, visti i momenti no legati anche agli infortuni?
Il fatto degli infortuni è una roba strana, ne abbiamo di tutti i tipi e non c’è una spiegazione concreta. Non è facile scendere in campo ogni tre giorni, ma come noi lo fanno anche gli altri. La vittoria di ieri è importante, mi auguro che non facciamo l’errore di sottovalutare l’Udinese. Dobbiamo essere consapevoli che abbiamo fatto solo un passo in avanti, non abbiamo ancora fatto nulla.

E’ una sorpresa per voi Mancini a centrocampo?
Gianluca ha avuto coraggio in campo, vuole giocare la palla in un territorio del campo difficile. E’ stata una bellissima sorpresa, sopratutto in un momento complicato come questo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra