Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, colpo con svista Champions

La Roma umilia l’Udinese per 4-0 e sorpassa il Napoli piazzandosi al quarto posto in classifica

Fonseca è in Champions nonostante l’emergenza che rifila 7 assenti e l’ennesima ingiustizia che ha fatto rimanere i giallorossi in 10 per la svista di Irrati che ha cacciato Fazio senza motivo.

Giocano i resti e danno spettacolo, si scatenano ed è una questione di orgoglio. Il turnover c’è, ma è essenziale proprio come la Roma di questi tempi: compatta, pratica ed efficace.

Zaniolo segna subito il terzo gol consecutivo, il decimo con la maglia giallorossa, il primo in trasferta. Sul lanci di Kolarov è bravo a tagliare in mezzo sfruttando il movimento di Dzeko.

Di classe il tocco per il vantaggio. La Roma è padrona del match con Kluivert e Dzeko che guidano l’assalto appoggiandosi al talento di Pastore, all’esplosiva fisicità di Zaniolo e al dinamismo di Veretout.

I capitolini sprecano il raddoppio e la vecchia legge del calcio li punisce. Irrati espelle Fazio con Okaka che gli scivola accanto e che addirittura si fa lo sgambetto da solo.

L’auricolare dell’arbitro non funziona e il VAR Mazzoleni comunica con il quarto uomo e non reputandolo un errore grave rinuncia a correggere il collega.

La Roma però non si piega e domina con Smalling che raddoppia a porta vuota. Non c’è più partita: Pastore imbuca per Kluivert per il tris e il rigore di Kolarov sigilla il risultato. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa