Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Capello: “Sono un ammiratore di Zaniolo. E’ il talento più forte che abbiamo in Italia”

L’ex allenatore giallorosso: “Questa Roma è stata lavorata nella testa. Quando una squadra segue l’allenatore e tutti ci mettono qualcosa, si raggiungono i risultati”

“Io sono un ammiratore di Zaniolo, è il più forte talento che abbiamo in Italia. Forse quando ho parlato di lui ho dimenticato il nome di Kean. Io stesso ho avuto dei giovani che si sono persi, vedi Cassano”. Fabio Capello, intervenuto ai microfoni del programma “Radio Anch’io Sport”, prova a chiudere così, una volta per tutte, la polemica a distanza scoppiata con le sue parole su Zaniolo, suggerendo a Esposito di non prenderlo a esempio.

Sul momento della Roma, invece, l’ex allenatore giallorosso dice: “Ha giocatori di qualità come Dzeko e Kolarov, ha fatto un ottimo acquisto in difesa come Smalling. Questa Roma è stata lavorata nella testa e quando una squadra segue l’allenatore e tutti ci mettono qualcosa di più, si raggiungono i risultati”, sottolinea Capello, che sulla diatriba fra risultatisti e giochisti si esprime così: “Senza bel gioco o senza una certa impostazione di gioco non si raggiungono i risultati. Sarri però ha capito che deve far giocare la squadra in una certa maniera perché non ha i giocatori per il suo gioco e li sta mettendo nelle posizioni migliori perché possano rendere di più. L’Inter di Conte sta creando le basi su un’ottima difesa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News