Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’uomo della provvidenza. Il vangelo di Fonseca: “Voglio una Roma unita e ambiziosa”

Quel 20 maggio 2018 chi avrebbe mai potuto pensare che per rivedere la Roma al terzo posto sarebbe passato un anno e mezzo?

In questi 18 mesi è successo di tutto. In panchina tre allenatori, sono andati via Totti e De Rossi, Monchi ha divorziato duramente con Pallotta, il suo vice Massara ha scelto anche lui l’addio, Alisson, Nainggolan e Manolas sono stati ceduti e il vice presidente Baldissoni è uscito dalla gestione sportivas per occuparsi solamente dello Stadio.

In questo contesto il lavoro di Fonseca è stato straordinario. Il portoghese, miscelando umiltà e ambizione, in 11 giornate ha riportato la Roma al terzo posto dovendo affrontare un’emergenza infortuni che l’ha privato anche di 8 giocatori. La capacità di dialogo del mister è stata una delle armi vincenti. Il malinconico 0-0 contro la Sampdoria lo aveva portato ad alzare la voce chiedendo più coraggio.

Capitolo Zaniolo che col portoghese ha avuto un feeling immediato e la risposta del giocatore è stata incisiva ai massimi livelli. E’ tornato Under mentre Diawara e Mkhitaryan lo faranno dopo la sosta con Pellegrini a fine mese. Pallotta lo ha già benedetto: “Mi piace quello che fa“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa