Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca, patti chiari. La rivoluzione a tavola ha rilanciato la Roma

Colazione e pranzo tutti insieme a Trigoria

Il gusto dissacrante di Roma l’aveva accolto con un soprannome che era uno sfottò: Zorro. Colpa di un travestimento con cui si presentò in conferenza stampa ai tempi dello Shakhtar due anni fa dopo aver battuto il City di Guardiola. Oggi però di Paulo Fonseca non ride più nessuno: alle spalle di Juve e Inter c’è la sua Roma, terza forza contro pronostici e destino, che da inizio anno gli ha già tolto 15 calciatori per infortunio, 7 tutti insieme. Eleganza impeccabile, unica deroga al vestito blu nel derby, con un pantalone beige che non ha riproposto più. Il ricciolo sulla fronte a testimoniare la cura per il look dalla testa ai piedi. Dicono non sia un allenatore “cattivo” alla Conte o Mourinho per intenderci. Il carisma lo manifesta in altri modi, con un rispetto tale che gli basta la propria delusione per una partita per impietrire la squadra intera.

Così ha “raddrizzato” l’irrequieto Pastore, al capitano Florenzi ha spiegato di non vederlo terzino: parla chiaro a tutti. Ha preteso uno staff di 5 persone per curare ogni dettaglio tattico, eppure le prime mosse del tecnico di Nampula non si sono concentrate sul campo. Ma a tavola. Una, in particolare, è quasi un dogma: due pasti al giorno a Trigoria, per tutti, e non si sgarra. Così ha voluto Paulo, che pretende di controllare cosa mangiano i suoi giocatori almeno a colazione e a pranzo (solo in ritiro è monitorata anche la cena), contrariamente agli anni scorsi quando i giallorossi erano abituati a fuggire dall’allenamento in tempo per pranzare a casa. Oggi non più: anzi per fare in modo che non sfugga il controllo, ha fissato tutti gli allenamenti alla mattina e posticipato il rompete le righe tra le 15:30 e le 16. Lo scrive La Repubblica.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa