Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La dolce vita di Mancini: in giallorosso si sdoppia

Carattere forte e dialogo

Prima le mani giunte in occasione del rigore calciato da Veretout contro il Napoli, poi il dialogo con i tattici dello staff a fine partita per correggere gli errori commessi: è così che piano piano Gianluca Mancini si sta prendendo la Roma.

Viene descritto come un ragazzo che quando torna a casa, dopo le gare ufficiali, riguarda la partita in tv per capire cosa ha sbagliato, ma da quando Fonseca lo ha schierato con regolarità l’ex Atalanta non ha sbagliato quasi più.

Nemmeno quando è stato impiegato in mediana. Ci aveva già giocato in passato, ed ora sarà dura riportarlo sulla linea difensiva per il tecnico portoghese.

Carattere forte, merito anche dei punti di riferimento del ragazzo: si ispira a Marco Materazzi, di cui ha scelto anche il numero, e tiene a mente Davide Astori. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa