Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, in Coppa un’altra beffa è servita

Nel finale una dormita costa la partita ai giallorossi

Gil Manzano si adegua a Collum e la Roma viene penalizzata in entrambe le partite contro il Borussia perdendo il primato nel girone. Lo spagnolo non si è accorto che la palla sfruttata da Thuram, per il cross sul vantaggio tedesco, era già uscita in fallo laterale. Il gol del francese nel finale, poi, complica il percorso europeo giallorosso.

Adesso in testa c’è il Basaksehir che aspetta la Roma il 28 novembre ad Istanbul. Ancora rotazione al minimo e 2 cambi come successo contro Udinese e Napoli. Questa volta dentro vanno Santon e Fazio, panchina per Florenzi. La Roma è meno aggressiva e quando attacca Dzeko si allarga a sinistra e lascia la corsia centrale a Kluivert. Mancini è di nuovo davanti alla difesa e inizia spesso l’azione. L’unica chance decente del primo tempo è di Pastore con un assolo in percussione che viene fermato soltanto da Sommer.

Rose parte con la difesa a 3 con Thuram centravanti. Il francese sta facendo la differenza in Bundesliga e la fa anche con i giallorossi. Parte sulla sinistra, mette in mezzo ed arriva Fazio che in scivolata infila Pau Lopez. Nella ripresa la Roma è spavalda ed attacca con convinzione. E’ subito pericolosa con Pastore con Kluivert che accelera soprattutto quando c’è da ripartire e Zaniolo è più intraprendente. Dzeko davanti da sentire il suo peso con fisico e classe. Cresce anche Veretout. Fonseca poi inserisce Diawara per Mancini e il cambio coincide col pareggio. Punizione di Kolarov e spaccata di Fazio. Nel finale una dormita costa la partita alla Roma. Lo scrive Il Messaggero.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa