Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

De Rossi: “Non meritavamo di perdere. Sdaigui? Il gol un premio giusto per lui”

Soddisfatto il tecnico giallorosso della reazione dei suoi

Al termine della sfida tra Roma Primavera e Atalanta, il tecnico dei giallorossi Alberto De Rossi è intervenuto ai microfoni dell’emittente televisiva. Queste le sue parole:

È arrivato un pareggio all’ultimo minuto, ma la squadra avrebbe potuto vincere la partita
Non meritavamo di perdere, riconoscendo i meriti a loro, che sono una squadra di riferimento per la categoria, noi non siamo stati da meno. Siamo andati in svantaggio ‘occasionalmente’, ma poi ci è stato restituito il mal torto.

Siete imbattuti al Tre Fontane e siete l’unica squadra ad aver fermato l’Atalanta
Ci mancherebbe che non riuscissimo a difendere il nostro fortino, ma non sarà facile farlo per tutto l’anno. Non si parla mai del Cagliari, che sta facendo bene da due anni. Il campionato è competitivo, dobbiamo cercare di vincere queste partite, abbiamo tanto talento e potenzialità. Per nostre responsabilità oggi non siamo riusciti a potare a casa la vittoria. Manca tanto, ma questi tre punti ci avrebbero fatto comodo.

Il gol di Sdaigui?
Ci ha fatto rabbrividire, per tutto quello che ha subito è stato il giusto premio. Con il loro nuovo vantaggio non sarebbe servito a nulla, ma per fortuna abbiamo pareggiato.

Ora c’è la sosta, come la vede per la sua squadra?
Io non la farei mai: certo, è un orgoglio e ci preoccupiamo quando i ragazzi non vengono chiamati, ma a noi dello staff non piace perché c’è una dispersione dei giocatori e delle energie. Ricaricheremo le pile e ci prepareremo per le prossime gare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera