Resta in contatto

Roma Primavera

De Rossi: “Bene per il gioco e per i gol, una disfatta dal punto di vista difensivo”

Il tecnico giallorosso: “Oggi sul 3-2 la squadra ha dimostrato carattere, ma il problema resta la fase difensiva. Ripeto dobbiamo lavorare di squadra”

Torna a sorridere la Roma Primavera di Alberto De Rossi, vittoriosa 4-3 contro il Sassuolo, dopo la sconfitta nel derby contro la Lazio. Queste le parole del tecnico giallorosso dopo la gara ai microfoni di Roma Tv:

Tre punti importanti, ma la Roma non riesce a vincere senza soffrire?
“È vero, la disamina è scontata. Ancora una volta bene per il gioco creato e i gol fatti, mentre è una disfatta da un punto di vista difensivo, che riguarda tutta la squadra non solo il reparto. Analizzando tutto il girone, di queste partite ce ne sono diverse, probabilmente dipende dalla mentalità e dall’atteggiamento delle squadre. Il dato dei gol subiti è drammatico, sportivamente parlando”.

Dopo il derby serviva una reazione, è arrivata?
“Sì, ma avevamo fatto bene anche nel derby, con grande personalità e concedendo poco. Oggi sul 3-2 la squadra ha dimostrato carattere, ma il problema resta la fase difensiva. Ripeto dobbiamo lavorare di squadra, non solo il reparto che mi sembra abbia fatto una gara all’altezza oggi. Dobbiamo fare un po’ di più”.

Campionato competitivo, sarà complicata anche la prossima gara contro l’Empoli?
“Da questo punto di vista, il campionato è bellissimo, con tutte gare equilibrate. Il pronostico non è mai scontato. L’Atalanta e il Cagliari stanno facendo meglio delle altre, ma anche loro devono faticare molto, il livello è altissimo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera