Resta in contatto

News

Zaccagni: “Risultato bugiardo, sull’1-1 eravamo in controllo della partita”

Parla il centrocampista gialloblu

Mattia Zaccagni, centrocampista del Verona, ha parlato a Verona Channel della sconfitta contro la Roma:

Il Verona esce da questa gara con qualche rimpianto?
“Purtroppo sì, il risultato è bugiardo. Abbiamo affrontato una grande squadra, proponendo il nostro gioco. C’è un po’ di rammarico, ma ora ci proiettiamo verso la sfida con l’Atalanta di sabato prossimo”.

Aspetti da migliorare?
“Sull’1-1 eravamo in controllo della partita. Poi abbiamo concesso il rigore e loro hanno avuto l’occasione di raddoppiare: è risultato poi più difficile imporre il nostro gioco. Nel secondo tempo siamo scesi in campo determinati e concentrati ma non siamo riusciti a raggiungere il pareggio. Nel recupero, infine, la Roma ha chiuso definitivamente il match”.

La tua prestazione?
“Sono contento, però quando non conquistiamo i 3 punti rimane sempre un po’ di rammarico. Avrei preferito giocare un po’ meno bene, ma aver raggiunto la vittoria”.

Ti trovi bene nel Verona?
“Sono contento di far parte di questa squadra: dobbiamo continuare su questa strada, lavorando duramente durante la settimana”.

La prossima sfida con l’Atalanta?
“E’ una squadra molto forte, lo sta dimostrando da 4 anni ormai. Sarà una partita difficile, la affronteremo con la consapevolezza dei nostri mezzi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News