Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Lazio e Roma, prove di forza. La Champions a portata delle romane, Fonseca dalle macerie ha creato il gruppo

La prova di forza contro il Verona ha confermato la regolaritò della Roma: 5 successi nelle ultime 6 partite di campionato

Basta dire equilibrio per riconoscere la Roma: quello di Fonseca nella comunicazione e nel metodo di allenamento, quello della squadra nella partecipazione dentro lo spogliatoio e nel comportamento in campo.

Il quarto posto è la sintesi del lavoro portato avanti dal portoghese che ha riqualificato tecnicamente, tatticamente e caratterialmente il gruppo che è pronto a diventare grande ed ha la personalità per affrontare qualsiasi esame.

La prova di forza contro il Verona ha confermato la regolaritò della Roma: 5 successi nelle ultime 6 partite di campionato con 14 punti in casa come in trasferta. Più 8 rispetto alla gestione Di Francesco cone 3 reti in meno subite e 2 in più realizzate.

L’azione del gol di Kluivert è iniziata la scorsa settimana a Trigoria, quindi le conoscenze dei giocatori sono aumentate. Il dato sul possesso palla di domenica, 42,2% il più passo del campionato, mette in evidenza come l’allenatore abbia deciso di cambiare il proprio spartito.

Non è l’unica vittoria ottenuta così, anche contro Sassuolo, Milan, Udinese e Napoli. Fonseca ha conquistato il gruppo con la chiarezza, niente bluff di parola e lo dimostrano le recenti esclusioni di Florenzi e Fazio: la priorità va alla Roma e mai al singolo. Spazio ai migliori del momento usando i panchinari quando e dove servono. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa