Resta in contatto

Prima Squadra

Veretout: “Andiamo a San Siro per battere l’Inter”

Il centrocampista giallorosso: “L’Inter è una grande squadra con fisicità, hanno Lukaku e Lautaro che sono pericolosissimi per le difese

A due giorni dalla sfida contro l’Inter, Jordan Veretout ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Queste le dichiarazioni rilasciate dal centrocampista della Roma:

Come arrivano le due squadre alla partita? Arriva nel momento migliore?
“L’Inter è primo, noi quarti, abbiamo vinto 3 partite di fila. Andiamo a Milano per fare una grande prestazione”.

Che impressione ti ha fatto l’Inter?
“Sono primi, sono una grande squadra con fisicità, hanno Lukaku e Lautaro che sono pericolosissimi per le difese e dobbiamo fare una grande prestazione per fare un risultato positivo”.

Cosa hanno di speciale Pellegrini e Zaniolo?
“Sono dei calciatori importanti per noi con grande fisico come Nicolò. Lorenzo ha una qualità con la palla incredibile”.

Anche tu sei diventato molto importante, sei una sorta di gladiatore…
“So quello che posso fare sul campo, il massimo. Mi piace aiutare i miei compagni e voglio vincere tutte le partite”.

Cosa ti piace di Fonseca?
“Mi piace molto il suo gioco perché è un gioco di possesso palla. Anche la sua gestione della squadra, è importante per noi. Mi piace molto Fonseca”.

Ce l’ha un difetto?
“No (ride, ndr). E’ un grande allenatore. Aiuta a crescere molto la squadra e spero che venerdì andiamo a fare una grande prestazione per tutti”.

Il tuo rendimento è alto, ce l’hai un difetto?
“Sì, ne ho molti, ma anche il mister mi aiuta a correggerli. Tutti i giorni in allenamento faccio il massimo per crescere ancora di più”.

Siete sulla buona strada per la Champions?
“Sì, dobbiamo continuare così. Abbiamo fatto una buona prima parte di stagione, ma dobbiamo continuare così, con aggressività, lottare tutte le partite. Possiamo fare delle grandi cose”.

Come finisce la partita?
“Spero sarà una bella partita, ma un risultato positivo per noi”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra