Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo e un destino con 50 sfumature viola

Un passato in viola, presente e futuro in giallorosso

Il sassolino dalle scarpe, Zaniolo se l’è già tolto l’11 giugno del 2017, andando a segno con l’Inter nella finale Primavera contro la Fiorentina. Un’esultanza polemica verso la tribuna del Bozzi che ospitava tra gli altri la dirigenza toscana, a dimostrazione di come l’addio ai viola lo avesse profondamente turbato. Estate 2016: Nicolò viene chiamato in sede. Dopo aver fatto la trafila nelle giovanili per 9 anni, gli viene comunicato che non rientra più nei piani del club. Un brutto colpo per un ragazzino che ha da poco compiuto 17 anni. Gli prospettano la possibilità di andare in prestito al Carpi o al Cesena. Papà Igor ottiene invece lo svincolo e ha la felice intuizione di farlo ripartire dall’Entella.

Il resto è storia recente. E forse, proprio la piega positiva che ha preso la sua carriera da questo rifiuto, fa ora vedere le cose sotto una prospettiva diversa. Ne è dimostrazione un’intervista rilasciata un mese fa da Nicolò al Daily Mail: «Rifiutato? Non mi piace questa parola. Preferisco sottovalutato ma ora non ho nessun sentimento di rivalsa. La mia prima squadra è stata l’Entella e da allora tutto è cambiato, ma ho ancora dei bellissimi ricordi delle giovanili. Non dimentico le mie radici».
Lo riporta “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa