Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

De Rossi lascia: “Sono triste”

L’ex capitano giallorosso abbandona il calcio giocato a quasi 37 annni

De Rossi sapeva tutto. Sapeva che avrebbe donato “una sola carriera alla Roma“, ma non sapeva che l’avrebbe dovuta lasciare prima del previsto. Sapeva che avrebbe amato solo un’altra squadra poi, il Boca, ma non sapeva che ci avrebbe giocato. Un rapporto breve ma intenso con gli argentini, finito con qualche mese di anticipo. Daniele dice addio al calcio, non vedeva l’ora di tornare a casa. Ha dato alla Roma un’anima, parecchie fibre muscolari, caviglie, per non parlare delle presenze (616, solo Totti ha fatto di più) e dei gol (63). Ha regalato spessore, romanismo, romanità, senso di appartenenza e merita una partita d’addio come si deve.

Torna in Italia da uomo più maturo e bastava sentirlo parlare in perfetto Porteño per capire che stiamo raccontando un giocatore e un uomo di alto livello. Le sue parole in conferenza: “Non ho problemi fisici, ho solo voglia di tornare dalla mia famiglia. Non voglio entrare troppo nei dettagli delle questioni familiari, ma la mia figlia più grande, di un altro matrimonio, è rimasta in Italia. E una ragazza ha bisogno che suo padre le sia vicino. In teoria, potrebbe essere in pericolo e io devo avvicinarmi. E’ un giorno triste, avrei voluto giocare altri dieci anni. Il mio futuro è tracciato: farò l’allenatore e studierò nei prossimi mesi. La Roma è stata la mia vita, non pensavo di amare un’altra squadra come è successo con il Boca. Sarò sempre parte di questo club. Potrei avere aperto una strada, spero che altri calciatori europei possano venire qui“. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa