Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Zaniolo come Totti nel 2006: corsa contro il tempo per non perdere l’azzurro (FOTO)

Euro 2020 a forte rischio per il 22 giallorosso

Lo slalom tra le maglie bianconere, l’ultimo ostacolo, il dribbling e quel crac lancinante, fino alle lacrime.  La drammatica notte di Nicolò Zaniolo porta con sé un fardello molto pesante da sopportare per il numero 22 giallorosso, patrimonio del club di Trigoria ma di tutto il calcio italiano. L’uscita dal campo in lacrime è arrivata sotto lo sguardo attonito del ct azzurro Roberto Mancini e il pensiero di molti è andato lì, verso l’azzurro. La maglia dell’Italia lo attendeva, pronta per un Europeo da protagonista. Ora invece appare un miraggio: la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro con associata lesione meniscale prevede un tempo di recupero tra i 4 e i 6 mesi. Riuscirà Zaniolo a bruciare le tappe e a tornare in campo per tempo? Presto per dirlo, ma c’è un precedente che potrebbe rincuorarlo.

Il 12 giugno si giocherà la gara inaugurale della competizione continentale, Italia-Turchia, proprio all’Olimpico di Roma.
La stessa data nella quale si giocò la prima partita tra Italia e Ghana nei Mondiali del 2006. A chi facciamo riferimento? All’ex capitano giallorosso, Francesco Totti.

Nel 2006 l’ex capitano della Roma rimase vittima di un grave infortunio: pochi minuti dopo l’inizio di Roma-Empoli, l’entrata scomposta di Richard Vanigli procurò “una frattura al livello del terzo medio del perone sinistro, con associata lesione capsulo-legamentosa complessa del collo del piede sinistro”. Otto vite fissate nella caviglia, un lavoro incessante di riabilitazione e la visita a Villa Stuart dell’ex ct azzurro Marcello Lippi:Io ti aspetto“. E il messaggio di vicinanza è arrivato anche da Roberto Mancini, all’indirizzo del talento giallorosso.

Tocca ora a Zaniolo guarire e tornare il prima possibile a disposizione, per convincere Mancini a lasciargli un posto per Euro2020. Stessa sinistra sorte di un altro giocatore, anche lui un potenziale protagonista: parliamo di Merih Demiral, che ha rimediato ua lesione al legamento crociato. Il difensore bianconero, autore del gol dell’1-0 per la Juventus, si è infortunato dopo pochi minuti nel match dell’Olimpico. Come Zaniolo, anche il turco rischia di vedere solamente in tv il prossimo Europeo. La paradossale coincidenza? Italia-Turchia in 45 minuti minuto ha perso due titolari: entrambi sarebbe stati in campo, seppur da avversari, nella sfida inaugurale. Ma nulla è ancora detto, tempo e voglia faranno la differenza. Ancora una volta.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti