Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Prof. Cerulli: “Demiral e Zaniolo? Il campo è uno degli aspetti che può influire di più”

“Eviterei il recupero record”

Il professor Giuliano Cerulli è intervenuto a NSL Radio per parlare dell’infortunio di Nicolò Zaniolo. Queste le sue dichiarazioni:

Si è parlato molto dell’incidenza del campo dell’Olimpico sugli infortuni di Zaniolo e Demiral, per lei potrebbe essere un fattore?
“È uno degli aspetti che può influire di più, le dinamiche dei due infortuni sono però diverse: nel caso di Demiral c’è stato un contrasto più importante, in quello di Zaniolo sembra invece che il ginocchio abbia ceduto prima del contatto con l’avversario. In gergo lo definiamo automatico quello del romanista. L’uniformità del terreno di gioco è un tema, ha un’incidenza significativa e si riapre la questione dell’erba naturale e del sintetico”.

Dalla Roma hanno assicurato che Zaniolo stesse bene prima della partita, secondo lei è stato un infortunio casuale?
“Sicuramente è casuale quello che è successo, conoscendo lo staff giallorosso ritengo che Nicolò non avesse una condizione predisponente in atto. È indubbio che c’è un altro elemento di cui si parla negli Stati Uniti, il concetto del carico, il load management, il dosaggio dei carichi. C’è stata la pausa per le feste natalizie, un periodo in cui gli atleti riposano di più, ma per preservare i legamenti, soprattutto i crociati, bisogna allenare il ginocchio con esercizi propriocettivi e se si interrompe il circuito allenante si rischia poi di incorrere in questo infortunio. Va detto poi che ci sono tante gare ravvicinate e che non si fanno più i tradizionali ritiri precampionato”.

In cinque mesi potrebbe farcela Zaniolo?
“Bisogna evitare record nel recupero, è meglio parlare di sei mesi perché c’è una guarigione biologica da rispettare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News