Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

De Rossi: “Prendiamo troppi gol, è imbarazzante. Dobbiamo crescere”

Il tecnico giallorosso: “C’erano tutti i presupposti per fare una grande gara oggi, ma dobbiamo migliorare. Gli errori stanno pesando tanto”

Al termine del pareggio per 2-2 contro il Chievo, è intervenuto il tecnico della Primavera giallorossa Alberto De Rossi:

DE ROSSI A ROMA TV

Che partita è stata?
“È stata una partita un po’ diversa dalle altre, in settimana la squadra è rimasta colpita dalla gara di Genova e hanno lavorato in maniera meravigliosa, c’erano tutti i presupposti per fare una grande gara oggi. Il problema è stato partire subito con due gol di svantaggio, poi diventa difficile psicologicamente. Per tutto il primo tempo i ragazzi avevano voglia di fare ma vagavano per il campo a causa dei due gol evitabili”.

Cambio modulo?
“Lo facciamo diverse volte, Riccardi può giocare in tanti ruoli e usiamo questa carta, sia come trequartista che come esterno. Poi è entrato bene anche Tall, dando peso all’attacco, ma alla fine è cambiata tutta la mentalità di squadra”.

Solo 9 punti in trasferta?
“Per quanto riguarda la prima parte di campionato è evidente che prendiamo troppi gol, a volte è imbarazzante, non è calcio. Noi facciamo una cosa diversa, ma probabilmente sia come squadra che come individualità dobbiamo crescere un pochettino, gli errori stanno pesando tanto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera