Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sacristán (ex all. Januzaj): “Adnan ha grande tecnica e dribbling”

“Alla Roma può creare superiorità numerica in campo”

E’ intervenuto sulle frequenze di Tele Radio Stereo 92.7 FM, Eusebio Sacristan Mena, ex giocatore del Barcellona ed ex allenatore del Real Sociedad e quindi di Januzaj, obiettivo caldo in chiave mercato giallorosso. Ecco le sue parole:

Lei ha allenato la Real Sociedad e Januzaj, qual è il suo pensiero su Januzaj?

“E’ un giocatore con molto talento ma la sua qualità migliore è il dribbling e la capacità, grazie alla sua tecnica, di andare via in uno contro uno. Sta crescendo di anno in anno”.

Dalle statistiche si vede che è un giocatore che segna poco.

“E’ un giocatore costretto spesso a giocare molto largo per equilibrare la squadra in campo. Questo lo ha avvantaggiato nel ruolo di rifinitore, meno in quello di finalizzatore. La finalizzazione è una caratteristica che deve migliorare”.

Qual è il suo punto debole?

“E’ arrivato molto giovane e acerbo, si vedeva subito che aveva un gran talento ma ha dovuto imparare a gestirlo. Dal punto di vista della personalità e dell’esperienza è migliorato molto”.

Credi che sia un giocatore adatto alla Serie A?

“Si. Stiamo parlando di un giocatore di grande qualità, tecnica e talento. Deve però essere lasciato tranquillo e sereno e in fiducia. Dovesse arrivare alla Roma sarà molto utile la sua qualità di creare superiorità numerica saltando l’uomo”.

La Roma sta cercando un altro giocatore della Liga, Villar, ci puoi dire qualcosa sul giocatore?

” Non conosco tanto il ragazzo. Ha buone qualità, è un buon giocatore ma non posso sbilanciarmi più di tanto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News