Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dieta e stimoli rinnovati: il jolly turco è tornato

Domenica scorsa è stato fra i migliori contro la Lazio, forse il migliore

L’amico ritrovato. Cengiz Under si era perso per strada, tra infortuni muscolari, il lento recupero e forse anche la tentazione di una nuova esperienza professionale. Lo scorso anno lo aveva cercato anche il Bayern Monaco, ma poi è finito fuori dai radar. In questa stagione la sua partenza era stata positiva, ma l’infortunio muscolare che lo ha tenuto fuori due mesi ha portato all’affermazione di Zaniolo nel ruolo di esterno destro.

Ora che il talento azzurro ha chiuso la sua stagione per la rottura del crociato rimediata contro la Juventus, il turco si è fatto trovare pronto. Ha lavorato per perdere qualche chilo di troppo e adesso che ha ripreso a giocare con continuità è tornato a decidere. Il primo gol dopo la rinascita a Marassi, in Coppa Italia a Torino ha propiziato l’autogol di Buffon con un gran tiro da fuori area.

Domenica scorsa è stato fra i migliori contro la Lazio, forse il migliore, sempre pericoloso e capace di aiutare i compagni anche in fase difensiva. Questo era uno dei limiti che gli attribuiva Fonseca: non saper sacrificarsi nei recuperi e nel pressing. Ora che la condizione fisica lo sostiene riesce a fare anche questo. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa