Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 5 febbraio 2012: la Roma affonda l’Inter grazie alla doppietta di Borini (VIDEO)

Nella 22′ giornata del campionato la Roma ospita l’Inter di Claudio Ranieri. I giallorossi impiegano solo 13 minuti per trovare il vantaggio, poi doppietta di Borini e sigillo di Bojan

Il 5 febbraio del 2012 la Roma batteva l’Inter con un sonoro 4-0. Partita importante per rilanciare la stagione, fino a quel momento altalenante. I giallorossi partono benissimo e già al 13′ trovano il vantaggio grazie al gol di Juan: calcio d’angolo battuto da Francesco Totti, che in area pesca il brasiliano in elevazione. L’Inter tenta di rialzare la testa ma al 41′ Borini raddoppia: splendida palla di Pjanic per l’attaccante emiliano, che dopo una serie di finte, mette a sedere Samuel e manda la palla nella porta difesa da Julio Cesar. Nel secondo tempo la Roma chiude subito i giochi, sempre grazie a Borini, che scatta in posizione regolare sul lancio lungo di Juan, trovandosi a tu per tu con il numero uno nerazzurro; a nulla serve il recupero in extremis di Lucio, Borini riesce a calciare e a trovare il terzo gol della Roma. Ormai le speranze dell’Inter di recuperare la partita sono sfumate, ma c’è ancora tempo per i giallorossi di imbucare la palla per la quarta volta. Ci pensa Bojan al minuto 89: cross in area di Piscitella (alla sua prima presenza in Serie A), lo spagnolo controlla e, dopo una serie di dribbling in cui manda a vuoto tutta la difesa nerazzurra, spara un destro imprendibile per Julio Sergio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord