Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Fonseca cancella gli alibi: “La pressione è solo una scusa”

All’Olimpico arriva il Gent. Fonseca non cerca alibi

Stavolta Fonseca vorrebbe mettere la faccia più in là dei quarti raggiunti in carriera in Europa League. Per riuscirci deve rialzare la Roma tornando a vincere: “Affrontiamo una squadra forte in contropiede ed in difesa, che non ha mai perso in questa Europa League e che è imbattuta in casa“. Torna sul gruppo: “Sono voci false, con i giocatori ho sempre avuto un ottimo rapporto, Non è giusto inventarsi queste cose“.

Fonseca sgombra anche il campo degli equivoci: “A Roma si crea una negatività che non capisco, una delle prima cose che mi hanno detto è che qui è difficile, si lavora con pressione. Sono pronto e so che quando si vince la critica è meno forte, quandi si perde lo è di più“. Questa sera è l’occasione giusta per lanciara Perez, ma è da capire se lo spagnolo giocherà esterno di destra o trequartista centrale al posto di Pellegrini. Potrebbe essere una soluzione in più per avvicinare un attaccante a Dzeko, magari spostando Pellegrini in mediana. Anche Mkhitaryan dovrebbe essere ancora tra i titolari partendo da sinistra. Fonseca, qui, deciderà però soltanto alla fine perchè l’armeno servirà anche domenica contro il Lecce, quindi è pronto Kluivert.
Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa