Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ecco i conti della galassia giallorossa

Approvato il bilancio al 30 giugno della Neep Roma Holding

Il passaggio della proprietà della Roma da Pallotta a Friedkin è ormai imminente, ma intanto è stato pubblicato il bilancio al 30 giugno 2019 di Neep Roma Holding, controllante che ha in mano l’83,284% delle azioni del club. La società, che finirà nelle mani di un veicolo costituito negli USA dal texano, ha al suo interno partecipazioni per un valore totale di 251,984 milioni di euro, cifra su cui potrà essere calcolata la plusvalenza di Pallotta dopo la cessione. La maggior parte di tale somma è ovviamente costituita dal valore della Roma (240,333 milioni di euro), ma sono presenti anche due società relative al futuro stadio, la Real Estate TDV (10 mila euro) e la Stadio TDV (1,58 milioni di euro).

Dal bilancio separato di Neep, approvato nell’assemblea andata in scena lo scorso 24 dicembre con Pallotta collegato in audioconferenza, si evince un utile pari a quasi 251 mila euro (il 5% è stato destinato a riserva legale e il resto portato a nuovo) ed un patrimonio netto positivo pari a 230,426 milioni. Una delle ultime annotazioni è relativa all’aumento di capitale approvato dall’assemblea degli azionisti della Roma: lo scorso settembre 29,08 milioni di finanziamenti soci già erogati sono stati convertiti in versamenti in conto futuro aumento di capitale e poi è stato effettuato un altro versamento di 5 milioni in conto futuro aumento di capitale. E’ poi noto che sono stati già versati altri 45 milioni di euro per far fronte al fabbisogno del club calcistico, che continua a costare più di quanto ricava: la palla passa ora a Friedkin per invertire il trend. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa