Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Vittoria al cardiopalma contro il Cagliari. La gara con i numeri di AS Roma Data (TWEET)

I giallorossi trovano i 3 punti nella difficile trasferta in Sardegna. Nonostante le tante assenze la Roma vince grazie ai gol di Kalinic e alle giocate di Mkhitaryan

La Roma torna a vincere in trasferta in campionato, e lo fa su un terreno di gioco storicamente ostico come quello di Cagliari. La squadra di Fonseca, rinnovata per l’occasione e con assenze molto importanti, prime fra tutte Dzeko, riesce comunque a portare a casa la vittoria al termine di una sfida molto sofferta, iniziata male ma terminata con la festa della squadra capitolina. Analizziamo insieme il match con il consueto aiuto dei dati pubblicati dal profilo Twitter AS Roma Data.

Nonostante le difficoltà create dai padroni di casa, la Roma ha saputo imporsi sul campo della Sardegna Arena, riuscendo più volte a crear diverse occasioni da gol. Il ritmo serrato e movimentato della partita ha fatto sì che il dato sugli expected goals risulti particolarmente elevato per entrambe le squadre, mentre se analizziamo il possesso palla possiamo capire come in molte occasioni i padroni di casa siano stati più capaci di creare e impostare il gioco rispetto alla squadra di Fonseca, ma invano. Non è un caso infatti che il computo finale dei tiri in porta sia a favore degli ospiti, che hanno tentanto il tiro in ben 19 occasioni (di cui 11 nello specchio della porta), contro le 7 del Cagliari.


Per quanto riguarda la manovra offensiva, si può notare come alcuni dettagli abbiano influito positivamente sul risultato finale della gara: la vicinanza tra Kalinic e Mkhitaryan è stata una delle chiavi del match, fondamentale per la costruzione di diverse occasioni da gol. Altro fattore determinante è stata la diversa posizione tenuta dagli esterni alti: se sulla destra Under ha giocato molto alto, dall’altra Kluivert ha mantenuto una posizione molto più ravvicinata con Kolarov, favorendo anche gli inserimenti del terzino serbo.


Interessante poi notare come cambia il contributo al gol di alcuni giocatori dopo il match con il Cagliari: Mkhitaryan risulta il giocatore più determinante dell’attacco giallorosso. L’armeno ha infatti una media di 0.88 tra gol e assist a partita, la più alta tra i giocatori della Roma. Al secondo posto, dopo ieri si aggiunge Kalinic, che con la sua doppietta (primi due gol in maglia giallorossa per il croato) si porta a una media di 0.73, terzo Dzeko con 0.66.


Se si considerano poi solo i giocatori con almeno 500 minuti in campo, il dato cambia: l’armeno mantiene il primo posto, Dzeko sale al secondo posto, terzo è Pellegrini con una media di 0.62 e quarto Perotti, con 0.55.


Tra i protagonisti della gara ci sono certamente Mkhitaryan e Kalinic: nelle ultime 6 gare il contributo dell’armeno è stato determinante, siglando 3 gol e servendo 3 assist ai compagni di squadra.

Solo nella gara di ieri sono 3 le occasioni create dall’armeno, fondamentale non solo per l’apporto di gol e assist, ma anche per la sua presenza nella costruzione del gioco: 3 tiri in porta su 3 tentativi, 5 dribbling completati su 6, 5 tackle vinti e un’accuratezza nei passaggi che tocca l’84%, fanno dell’ex Arsenal il giocatore più in forma della Roma in questo momento.


Ottima anche la prestazione del centravanti croato, che finalmente torna al gol dopo più di un anno di digiuno: nella gara di ieri Kalinic non solo ha messo a segno una doppietta, ma ha anche realizzato un assist vincente. 4 tiri, di cui 3 in porta, e 6 duelli aerei vinti. Il giocatore entra di diritto tra i migliori.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti