Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Emergenza Coronavirus, Lotito voleva giocare a porte aperte: il retroscena

Prima maglia

Il presidente della Lazio non voleva perdere il vantaggio di giocare con il pubblico

Serie A a porte chiuse fino al 3 aprile. E’ questa la misura che sarà adottata a causa del diffondersi del Coronavirus in Italia. Secondo quanto riporta La Repubblica, non tutti avrebbero accolto con favore questa decisione, e l’intervento della FIGC, che ha dato seguito al decreto ministeriale, ha evitato una lunga discussione che avrebbe portato, probabilmente, a uno stallo della questione.

Chi non sarebbe stato felice della scelta di proseguire a porte chiuse è stato Claudio Lotito, presidente della Lazio, il quale insisteva per giocare a porte aperte. Il patron biancoceleste auspicava attraverso un pressing sul Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, che il governo accettasse di affidare ai prefetti la scelta sugli stadi da chiudere. Non voleva, infatti, perdere il vantaggio di giocate davanti ai propri tifosi.

41 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

41 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News