Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Burdisso: “Il legame tra città e squadra a Roma è una cosa pazzesca”

“Ho vissuto 5 anni di calcio unico”

L’ex difensore argentino, che poi ha intrapreso la carriera da dirigente, ha condiviso alcuni ricordi sulla pagina Instagram di ‘Gianluca Di Marzio’. Immancabile il passaggio sulla Roma e sugli anni nella capitale, in cui la squadra d Ranieri è stata a un passo dallo scudetto. Stagioni intense e indimenticabili: 

“A Roma mi sono trovato subito bene, si vive il calcio come in Argentina. Il legame tra città e squadra a Roma è una cosa pazzesca, potenziato da un mito come Totti. Mi porto cinque anni di calcio unico e quello scudetto sfiorato”. Poi su Juan: “Troppo facile giocare con lui, è uno dei migliori giocatori con cui ho fatto coppia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News