Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Uefa pronta a stanziare 236,5 milioni di euro per le 55 federazioni

Il finanziamento servirà ad affrontare al meglio l’emergenza Coronavirus. “Ogni federazione potrà usare i fondi come ritiene opportuno”, le parole di Ceferin

La Uefa  ha deciso di contribuire con 236,5 milioni di euro per sostenere le 55 federazioni affiliate ad affrontare l’emergenza Coronavirus nelle rispettive nazioni. Il finanziamento «HatTrick», solitamente distribuito per coprire i costi di gestione e aiutare a sviluppare aree specifiche e mirate del calcio nazionale, stavolta sarà erogato senza restrizioni: la Uefa consentirà infatti a ciascuna federazione di stabilire le proprie priorità alla luce dell’impatto negativo del Covid-19 sul calcio a tutti i livelli.

“Il nostro sport affronta una sfida senza precedenti per via della crisi del coronavirus. La Uefa vuole aiutare le federazioni a rispondere in modo appropriato alle circostanze specifiche. Di conseguenza, abbiamo deciso di destinare fino a 4,3 milioni di euro a federazione per il resto di questa stagione e per la successiva. Ogni federazione affiliata potrà usare i fondi, oltre a parte dei fondi d’investimento, come ritiene opportuno per ricostruire una comunità del calcio danneggiata”. Così il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin. “Credo che sia una decisione responsabile per aiutare la comunità del calcio il più possibile. Sono fiero che il calcio stia dimostrando unità durante questa crisi – aggiunge il dirigente sloveno -. Senza dubbio, il calcio sarà al centro delle attività che consentiranno alla gente di tornare alla normalità, quando sarà il momento. Dobbiamo fare tutto il possibile per garantire che sia in grado di rispondere all’appello”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News