Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma e Lazio, mercato a due facce

Roma e Lazio, sempre così diverse sul mercato

Il fronte comune a favore della ripartenza del campionato è pronto a scindersi. A breve Roma e Lazio torneranno a portare avanti strategie diverse, in Lega e sul mercato. A Trigoria si apprestano all’ennesima rivoluzione, non prima di aver tentato un ultimo assalto al quarto posto vitale per i conti. A Formello, invece, forti di una Champions pressoché certa, possono programmare con largo anticipo la prossima stagione. La grande differenza di partenza dei club sta nel monte ingaggi: quello giallorosso tocca i 140 milioni, mentre quello biancoceleste si ferma a 75.

In casa Roma dunque è pronta una nuova rivoluzione: Petrachi è pronto a liberarsi di Olsen, Karsdorp, Florenzi, Fazio, Jesus, Coric, Gonalons, Perotti, Pastore, Schick e Defrel. Se questi andassero via, i problemi sarebbero in gran parte risolti. Tra di loro però solo l’ultimo della lista è già piazzato (9 milioni al Sassuolo). Per gli altri non sarà facile. Dunque, per far sì che i conti rimangano in ordine, servirà sacrificare altre pedine. Due nomi su tutti sono quelli di Kluivert e Under. In entrata, le linee-guida sono altrettanto chiare: un vice-Dzeko (Kean in prestito), un terzino destro (Tomiyasu) e i due sostituti di Smalling (Vertonghen) e Mkhitaryan. Al netto di qualche parametro zero utile alla causa (Bonaventura). Lo riporta “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa