Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Kuivert: “Orgoglioso della scelta di venire alla Roma”

L’esterno giallorosso: “Quando l’ipotesi Roma divenne concreta, dimostrandomi con quanta forza mi volessero, ho pensato che sarebbe stata una grande scelta”

Justin Kluivert è stato intervistato da Helden Magazine, parlando del rapporto con sua madre e della scelta di lasciare l’Ajax.

Cosa fai quando torni a casa?
“Quando torno in Olanda voglio stare con i miei cari. Siamo un grande gruppo tra familiari e cari amici, mangiamo tutti insieme. Significa molto per me”.

I tuoi fratelli?
“Il legame con i miei fratelli è molto stretto. Mi dispiace molto di non vederli spesso da quando vivo a Roma”.

Tua madre?
“Sono sempre felice quando la vedo, significa davvero molto per me. Ho vissuto per tutta la vita con lei, quando devo prendere una decisione la chiamo sempre e lei pensa sempre al mio bene. Non è stata una madre severa, ma molto chiara. Se deve dire qualcosa la dice, ma sempre in modo gentile. È anche una madre affettuosa”.

Quando giochi bene pensi a lei?
“Sono felice per lei, si, ma anche per mio padre che può essere orgoglioso di me. Anche per i miei fratelli, per tutte le persone che amo. Voglio sempre brillare in campo, loro mi danno grandi motivazioni. Certamente mia madre gioca un ruolo decisivo”.

La tua infanzia?
“I miei genitori sono separati da quando sono piccoli, ho imparato che voglio proteggere un mio futuro figlio da un divorzio nella sua infanzia. Non ho sofferto tanto, ma vedrei l’infanzia dei miei bambini come un incubo. Questo è il motivo per cui non ho una fidanzata”.

Ti sarebbe piaciuto giocare le semifinali di Champions con l’Ajax?
“Certamente mi sarebbe piaciuto. Vedi De Ligt, abbiamo la stessa età, ci conosciamo da quando abbiamo 12/13 anni. È stato divertente vederlo giocare a un livello così alto ogni match. Comunque ho anche pensato che fosse strano vedere giocare l’Ajax senza che fossi più là. Ma così è andata, nella vita si fanno delle scelte. Sono orgoglioso della mia”.

La scelta di lasciare l’Ajax così giovane?
“Volevo una nuova avventura. Certamente ci ho pensato molto. Quando l’ipotesi Roma divenne concreta, dimostrandomi con quanta forza mi volessero, ho pensato che la Roma sarebbe stata una grande scelta. Sono soddisfatto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra