Resta in contatto

Rassegna Stampa

Vertonghen e i segnali di difesa a tre

È un momento di ricerca evolutiva per la Roma. E così non stupisce che circolino diversi nomi per il mercato giallorosso

Fa parte dell’idea che Fonseca ha trasmesso alla dirigenza: il 4-2-3-1 non è mai stato un dogma in Serie A e lo sarà ancor meno più avanti. E se i difensori devono essere tre, dando per probabile la partenza di Smalling e considerando che Juan Jesus è fuori dal giro, non può bastare il quartetto composto da Mancini, Fazio, Cetin e Smalling. Serve un titolare dominante che può essere Jan Vertonghen.

Il belga è esperto e talentuoso, ma non un velocista. Dunque potrebbe beneficiare di una difesa più coperta per le vie centrali. Inoltre Kolarov potrebbe arretrare sulla linea difensiva, così come Montiel, terzino destro del River Plate finito nel mirino di Petrachi. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa