Resta in contatto

Rassegna Stampa

Luca Pellegrini: “La Roma fa parte del passato. Lite con Kolarov? Rapporto fantastico con lui”

Parla il prodotto del vivaio giallorosso

Luca Pellegrini, ex terzino della Roma e ora di proprietà della Juventus, parla a “La Gazzetta dello Sport”. Ecco uno stralcio delle sue parole:

La Roma?
“È un aspetto del passato che ricordo con piacere. Niente di più. Non si firma a vita, i tempi cambiano“

Lei ha esordito in A con la Roma, entrando al posto di Daniele De Rossi, allenatore Eusebio Di Francesco e pure in Champions con quella maglia. Giochino: Totti o De Rossi?
“Innanzitutto ringrazierò sempre Di Francesco per avermi fatto esordire. Totti non l’ho vissuto, Daniele sì. Ancora mi sento con lui e gli chiedo consigli”.

A Roma, da ragazzino, ha visto anche Nainggolan, che ora è suo compagno a Cagliari.
“C’è un rapporto, che è nato subito, per merito suo. Quando nel 2017 mi ruppi il crociato venne a parlarmi. È carismatico, trascinatore, fortissimo”.

Lei è della Juve. Sensazioni?
“Quando entri in quello spogliatoio è un’emozione. Io CR7 lo usavo alla playstation. È una soddisfazione, una grande rivincita. Non sarà facile starci, ma darò il 110 per cento”.

Ma con Kolarov nel sottopassaggio dell’Olimpico ha litigato davvero?
“È una grande idiozia. Ci rido ancora. Mi ha preso sotto la sua ala a Roma e tra noi c’è un rapporto fantastico”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa