Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Zappacosta: “Ritornare a giocare un’emozione forte. Abbiamo l’obbligo di dare il massimo per i tifosi”

Il terzino giallorosso: “Lo staff è stato bravo a gestire gli allenamenti. E’ stato fatto un ottimo lavoro e spero che tutto prosegua così nel migliore dei modi”

Se c’è una cosa positiva in questa ripresa della Serie A dopo un periodo così nero, è quella di poter avere a disposizione molti giocatori infortunati. Tra questi c’è Davide Zappacosta, che oggi è tornato a calcare il campo dell’Olimpico dopo 8 mesi. Queste le sue dichiarazioni:

ZAPPACOSTA A ROMA TV

Sensazioni dopo il ritorno in campo dopo tanto tempo?
“E’ stata una forte emozione, sono molto contento di essere tornato e aver vinto questa mia prima partita con la Roma. Sono contento di essere entrato e aver portato con i ragazzi i 3 punti a casa”.

Una rosa lunga quella della Roma. Che margini di crescita ci sono?
“Ce ne sono tantissimi. Abbiamo la fortuna di essere in tanti, siamo tutti sul pezzo e concentrati per entrare a gara in corso. Sarà importante ora con i cinque cambi”.

Non era semplice rientrare dopo tanto tempo. Hai grandi potenzialità e ci si aspetta molto da te in queste dodici partite
“Dispiace giocare in uno stadio vuoto, soprattutto in casa. Si fa sentire l’assenza dei tifosi. Tornare in queste condizioni, senza pubblico, è ancora più difficile. Abbiamo l’obbligo di dare il massimo per i tifosi che non sono allo stadio. Spero di dare il mio contributo in queste partite che rimangono”

Tu hai fatto tante preparazioni. Sarà un mini torneo, come è stata la preparazione?
“Abbiamo fatto una preparazione come se fosse un ritiro. E’ stato più complesso perché all’inizio eravamo a casa. Lo staff è stato bravo a gestire gli allenamenti. E’ stato fatto un ottimo lavoro e spero che tutto prosegua così nel migliore dei modi”.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra