Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Manolas: “Il Barcellona? Io so come si elimina. Totti mi ha detto: rifallo”

Parla il difensore greco: “Ho già giocato al Camp Nou con la Roma”

Kostas Manolas è impegnato con il suo Napoli contro il Barcellona negli ottavi di finale di Champions League. Il difensore greco sa come si vince contro Messi e compagni, lo ha fatto nel 2018 con la maglia della Roma, 3-0, all’Olimpico, nei quarti di finale di Champions League. Ecco le sue parole riportate da La Repubblica…

Com’è il Camp Nou?

“Stadio imponente, farà impressione pure vuoto. Il campo è largo, ideale per il loro gioco. Dovremo prendere subito le misure, eseguire gli ordini di Gattuso e stare sereni, perché l’aspetto mentale è decisivo. Ho già giocato al Camp Nou con la Roma”.

L’ultima volta in Spagna finì 4-1 per il Barcellona.

“Risultato bugiardo, autoreti mia e di De Rossi. Ma ci rifacemmo all’Olimpico: la Roma vinse 3-0 e andò in semifinale, dominando”.

Il gol decisivo lo segnò lei.

“Fu un’emozione pazzesca, indimenticabile. Ma la semifinale fu merito dell’intera squadra. La Roma giocò 90′ super e il mio gol fu il premio per il lavoro di tutti. Spingemmo insieme quella palla in fondo alla rete”.

È stato il gol più importante della sua carriera?

“Sì, ma sono legato anche a quello che segnai al Torino, con la dedica per Davide Astori, un ragazzo speciale. Eravamo stati spesso compagni di stanza. Perdita terribile”.

Totti è venuto a Castel Volturno.

“Mi ha detto tre parole: “fallo di nuovo”. Francesco è un mio amico, a Roma mi è stato vicino. È il migliore con cui abbia giocato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa