Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Leone: “Non sarò nel Cda della Roma. Friedkin viene per fare bene, sono un gruppo solido”

Le parole del produttore tifoso giallorosso

Andrea Leone, tifoso della Roma e presidente Leone Film Group, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport riguardo l’acquisto del club da parte di Friedkin, che conosce personalmente:

Leone, ma davvero sarà nel Cda della Roma?
“No. Con il Gruppo Friedkin c’è un ottimo rapporto di lavoro, abbiamo preso in esclusiva per l’Italia il loro prossimo film. Mio nipote Francesco, che lavora con me, ha un rapporto di amicizia con Ryan. Ma questo è tutto un altro discorso”.

Contento che Friedkin abbia preso la Roma?
“Molto. Pallotta non ha mai capito cosa significhi essere romanisti al 100%. Per loro lo sport è diverso, vedono la partita come il cinema. Qui, invece, se la Roma vince o perde ti cambia la vita. Lo scorso anno, per la prima volta, non ho rinnovato l’abbonamento. Ora che c’è un’altra proprietà posso tornare: The Friedkin è un gruppo solido, che ha avuto sempre successo in ogni campo. Vengono per far bene, hanno investito tanti soldi. Mi auguro non commettano gli stessi errori, qualcuno gli dovrà spiegare il romanismo”.

Il bilancio di Pallotta?
“Ha fatto tante cose non da romanista, per allontanare i tifosi. Ora spero ci sia chiarezza, che nessuno ci dica più di voler rendere la Roma tra i club più forti del mondo senza poterlo fare. I tifosi della Roma non vanno presi in giro. E con Pallotta, invece, io mi sono sentito preso in giro”.

Consigli a Friedkin?
“Credo che il modello Borussia Dortmund possa essere quello buono per la Roma. Puntare su giovani di prospettiva, vincere qualcosa e magari cederli alle grandi, ma dopo un periodo in cui te li sei goduti e non dopo appena 4 partite buone… E poi una dirigenza forte e la presenza del padrone. Le aziende funzionano con i proprietari. Anche perché si ha a che fare con un materiale umano complicato: giovani ricchi e a volte viziati”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa