Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il saluto di Pallotta: “Spero che Dan riparta da ciò che abbiamo costruito”

Da Pallotta alla Raggi, passando per De Laurentiis: l’accoglienza per Dan Friedkin

Il primo a dare il benvenuto in Serie A al venticinquesimo presidente della Roma è stato Aurelio De Laurentiis. Il numero uno del Napoli sposa la linea della globalizzazione e tende una mano a Dan Friedkin e al figlio Ryan: “Il calcio italiano si sta rafforzando e internazionalizzando. E’ ormai un forte attrattore di investimenti. Sono certo che anche tu voglia dare un contributo per trasformare il sistema calcio in Italia portandolo a diventare un’industria che sia un mix di sport e intrattenimento“.

La palla poi passa a Virginia Raggi: “Auguri di buon lavoro a Dan Friedkin. Accogliamo gli imprenditori che vogliono portare investimenti e creare lavoro. Le nostre società di calcio sono un patrimonio importante per i tifosi e per tutta la città“. Non poteva mancare l’addio di Pallotta: “Voglio solo augurare a Friedkin buona fortuna per il futuro. Come tutti i tifosi della Roma nel mondo, mi auguro che possa ripartire da ciò che abbiamo costruito nel corso degli ultimi otto anni, trasformando la Roma in un club realmente internazionale. Io lascio ricordi indimenticabili”.  Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa