Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Veretout, quello che è cresciuto e che Fonseca non vuole cedere

La Roma farà di tutto per tenerlo

Il Napoli lo voleva lo scorso anno e lo vuole tutt’ora, forse con convinzione ancora maggiore. Ma lo vuole fortemente anche Fonseca che farà di tutto per tenerlo. Non facile, del resto, trovare uno come Jordan Veretout, che nel corso della prima stagione giallorossa ha fatto tutto quello che il tecnico si aspettava da lui. Nella Roma Jordan, sembra aver limitato sensibilmente i suoi margini di errore, mantenendo inalterate le qualità e la carica agonistica.

Inizialmente ha ricoperto il ruolo di mediano, poi quando il tecnico ha inaugurato una serie di aggiustamenti tattici, si è adattato senza battere ciglio a compiti diversi. La crescita di Diawara ha agevolato quella di Veretout, che occupava un ruolo vicino a quello della mezzala sinistra, con il trequartista che ripiegava spesso. E infatti, più libero da compiti di copertura, Jordan ha dato pieno sfogo al suo gioco verticale, fatto di strappi e di cambi passo. Ha chiuso la stagione con 33 presenze in campionato, 8 in Europa League, 2 in Coppa Italia. In totale, 43 partite con una media di 75 minuti passati in campo su 90. Il Napoli ci prova, la Roma resiste. In ogni caso sul versante Roma non c’è nessuna intenzione di concedere condizioni di favore. I 19 milioni complessivamente versati alla Fiorentina per il trasferimento di un anno fa rappresentano una valutazione ampiamente superata. Se da Napoli non si presenteranno con una offerta vicina ai 30 milioni, difficilmente si apriranno le porte ad una trattativa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa