Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin rassicura Fonseca

Conference call tra il nuovo presidente e l’allenatore giallorosso

Dan Friedkin chiama Fonseca in una conference call organizzata da Fienga. Il tutto è successo a metà della scorsa settimana quando il tecnico è tornato a Trigoria. Colloquio breve, ma significativo. I Friedkin contano di sbarcare a Roma entro 10 giorni. Vogliono presentarsi alla squadra e alla città. Il nuovo presidente ha garantito che sarà presente e sempre operativo. Fonseca lo conosce dallo scorso novembre: incontrò sia Dan che Ryan. Da quel giorno hanno cominciato a seguire l’allenatore, soprattutto gli alti e basse della squadra.

Loro sanno che la stagione non è stata positiva, ma, anche perché non c’è stato tempo di riflettere a fondo sulla gestione tecnica, si è deciso di andare avanti con Fonseca. Dan è stato sincero con l’allenatore. Gli ha trasmesso tranquillità per preparare la nuova stagione. E’ stata toccata, e non solo sfiorata, la questione del rafforzamento della squadra. Friedkin ha spiegato il percorso a Fonseca: svecchiamento e dimagrimento del gruppo.

La Roma sarà più giovane al netto del colpo Pedro che non va messo in conto alla nuova proprietà. Sono quasi ai saluti senatori come Fazio, Dzeko, Kolarov e Jesus. Prima o poi sarà possibile salutare anche Pastore e Perotti. Il più interessante profilo di mercato che può affiancare Fienga è quello di Rangnick. E’ nell’elenco di Friedkin. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa