Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sambenedettese, Montero: “Siamo felici che la Roma ci abbia ospitato”

“E’ un match ideale”

Al termine del match tra Roma e Sambenedettese ha parlato il tecnico dei marchigiani Paolo Montero che ha così commentato al termine dell’incontro.

MONTERO A ROMA TV

Che test è stato?

Per noi importantissimo. Stare qua, essere invitati dalla Roma è importante. Ci rendiamo conto di cosa ci manca. Siamo felicissimi di guardare e giocare contro grandi giocatori come Diawara, Veretout e Fazio. È un bel test

Ha colpito l’umiltà di calarsi in questo ruolo da allenatore. Non è da tutti.

Non lo dico per farmi umile, ma sono convinto che ognuno abbia il suo passo. Non ho paura di fare gavetta, la Serie C storicamente è competitiva. Siamo nel girone più competitivo, il B, ci sono squadre che quando giocavo io erano in A. Con tanti allenatori che hanno fatto B e A, io sono nuovo ed è una bella sfida.

Come ha visto la Roma?

Sì è vista una bellissima Roma, con un gioco propositivo, in possesso e in verticale. Ci ha messo in difficoltà con giocatori come Mkhitaryan, che fa la differenza in Serie A. La Roma è la Roma, con la nuova proprietà sarà competitiva.

La Juventus mollerà qualcosa?

Non credo. Vedremo chi sarà l’attaccante. Juventus, Roma, Inter, Milan, mi auguro che si rinforzino tutti così il campionato può tornare come alla mia epoca, con le sette sorelle. Andavi a Vicenza, Bergamo, Empoli, facevi fatica a fare punti. Sette squadre lottavano per il titolo.

MONTERO A SKY

Il match?

Siamo felici che la Roma ci abbia ospitato, è un match di prestigio.

Il nome ideale per l’attacco della Juve?

Vicino a Ronaldo vedo bene Suarez.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News