Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Calafiori e Villar: ora Fonseca ha due soluzioni in più

Il portoghese ha avuto la conferma della qualità delle due pedine

Se il diktat di Friedkin è quello che “i campioni non si costruiscono dall’oggi al domani“, allora la Roma ha materiale per sorridere. Calafiori e Villar non sono ancora dei campioni, ma non è detto che un giorno lo possano diventare. Serve tempo, pazienza, come detto dal presidente. I due sono stati tra le note più belle della prima sgambata stagionale sabato pomeriggio. A rubare l’occhio è stato soprattutto Villar che ha giocato da trequartista alle spalle di Mkhitaryan e Perotti. Lo spagnolo ha risposto giocando 45 minuti di grande intensità piazzando un paio di coast to coast interessanti e dando la sensazione di giocare con personalità e voglia. La prestazione non è passata inosservata in Spagna dove molte critici non hanno capito come le grandi del campionato se lo siano fatto scappare. A pieno regime Villar tornerà a giocare tra i due mediani, ma ha dimostrato di essere duttile.

Poi c’è Calafiori che aveva chiuso la stagione con la bella prestazione contro la Juventus e la panchina in Europa League. Ha giocato 45 minuti contro la Samb confermando che può essere una valida alternativa immediata e futura. Fonseca, prima di decidere se tenerlo o mandarlo a giocare, lo vuole vedere in test più probanti a cominciare da quello contro il Frosinone. Tra una decina di giorni si deciderà. La società ci punta per il futuro. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa