Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nessun erede per Zaniolo, ma in attacco occhi su Kokorin

Il mercato della Roma si muove a fari spenti

La dirigenza della Roma continua a fare il suo lavoro per il mercato. Nella posizione di Zaniolo c’è da segnalare il rientro di Carles Perez, negativo al COVID, mentre si attende che Kluivert faccia lo stesso. Proprio l’olandese potrebbe essere uno di quelli coinvolti nel contraccolpo Zaniolo. Per lui non ci sono offerte che abbiano “emozionato” la dirigenza, così potrebbe anche restare. Fonseca lo vede di buon occhio e nella prima parte di stagione lo ha utilizzato molto. Resta in partenza Under che non ha dato a Fonseca quelle risposte che si aspettava. Ieri è circolata una voce di un interessamento per Callejon, ma lo spagnolo, oltre ad avere un ingaggio importante, non sarebbe convinto di restare in Italia. Smentite anche le voci su Bernardeschi ed è stato offerto Roberto Pereyra del Watford.

Al momento la Roma non ha intenzione di muoversi per avere un vice Zaniolo. L’effetto Zaniolo si riverberà anche per l’attacco ed ora, anche se lo chiedesse, sembra difficile che la dirigenza dia il via libera per Dzeko. La società vuole supportarlo a dovere e per questo in prima fila sembra esserci Kokorin. Guadagna oltre 3 milioni di euro, ma il prezzo del suo cartellino è contenuto. Ufficiali le cessioni di Kolarov e Schick. Da segnalare novità positive entro pochi giorni per quanto riguarda Smalling. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa