Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Napoli, fretta per Milik: scende a 25 milioni. Il finale è aperto, c’è pure la Premier

Il rebus sul futuro di Milik è sempre più complesso da risolvere

Le quotazioni del momento danno l’attaccante polacco del Napoli Arek Milik vicino alla Roma. La Juventus s’è sfilata, gli ha comunicato che l’avrebbe preso a parametro zero, ma non avrebbe potuto investire i 40 milioni chiesti in un primo momento dal presidente azzurro Aurelio De Laurentiis. Se proprio non dovesse arrivare a Suarez, allora Fabio Paratici virerà dritto su Edin Dzeko.Milik è il primo nella lista degli attaccanti sui quali la Roma sta puntando per sopperire all’eventuale partenza di Dzeko. I due club stanno discutendo da settimane sulla formula da adottare nell’affare, che soddisfi le pretese di entrambi. L’ultima offerta giallorossa è di 15 milioni di euro più un paio di ragazzi della formazione Primavera.

Il Napoli ha invece modificato la propria richiesta iniziale, non più 40 o 30 milioni di euro, bensì è pronto a chiudere per 25 milioni più un bonus da stabilire. De Laurentiis e Giuntoli stanno ragionando: sarebbe meglio incassare pure 20 milioni di euro e non doverlo lasciare andare a costo zero, considerato i 90 milioni di perdite. Il polacco sarebbe disposto a trasferirsi alla Roma soltanto se l’offerta di 4,5 milioni a stagione per le prossime quattro gli venisse confermata. Insomma, il giochino potrebbe farsi pericoloso, per chiunque. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa